Vita quotidiana nella città più fredda al mondo


Oymyakon, Russia, un villaggio di circa 500 abitanti situato nel nord-est della Repubblica di Sacha-Jacuzia, è considerato l’insediamento permanente abitato più freddo al mondo.

Gli abitanti del villaggio non si fanno sconfiggere dal freddo e continuano con la loro vita quotidiana: Gli studenti, ad esempio, sono tenuti a frequentare le lezioni fino a che il freddo non arriva a -52°C.

L’etimologia del villaggio ha delle spiegazioni contrapposte: Oymyakon nel linguaggio locale significherebbe “acqua non congelata”, è infatti possibile trovare una fonte di acqua calda nei pressi del villaggio, mentre nel linguaggio Sacha significherebbe “lago ghiacciato”.

La stazione meteorologica ufficiale della zona ha registrato -59°C nel 2018, ma sono stati registrati anche -62°C dal nuovo termometro elettronico, prima di smettere di funzionare a causa del freddo.

Nonostante gli inverni molto rigidi d’estate le temperature possono salire molto arrivando a più di 30°C. Anche la durata della luce varia molto in base alla stagione: in inverno ci sono circa 3 ore di luce mentre a Giugno ventuno.