Uno studio svela che le persone belle sono prevalentemente di destra


Uno studio pubblicato nel dicembre 2017 si è concentrato tra l’attrazione fisica e le convinzioni politiche delle persone. I risultati potrebbero non piacere a tutti. Gli autori Rolfe Daus Peterson e Carl L Palmer affermano che le persone considerate più attraenti sono spesso di destra.

Perché questa conclusione? In realtà, Peterson e Palmer hanno osservato un fenomeno comunemente chiamato “effetto alone”. Per farla breve, tutto è legato al bias cognitivo ovvero la percezione delle persone attraenti, che sono abituate ad avere trattamenti di favore dalla più tenera età. Questo effetto è stato evidenziato da diversi ricercatori tra cui Edward Thorndike nel 1920.

C’è anche altro: se consideriamo la popolazione mondiale, è evidente che le persone agiate fanno parte della categoria considerata più attraente. Eh si ragazzi, servono anche soldi per prendere cura della propria bellezza. Da questa riflessione, tante persone attraenti hanno anche una certa sicurezza economica.

Il bias cognitivo colpisce particolarmente quelli che non hanno mai avuto problemi di soldi. Permette quindi di stabilire una correlazione tra la ricchezza e il voto a destra che corrisponde ad un’ideologia più conservatrice. 1+1=3 e quindi le persone belle sono di destra.

Attenti però, gli autori precisano che non bisogna prendere scorciatoie. Tutte le persone belle non sono di destra così come non tutte le persone di destra sono belle. Spiegano soltanto che manca una certa empatia per quelli che hanno avuto una vita facile e non riescono a concepire la presenza di ostacoli con cui non hanno mai avuto a che fare.