Topo cucito nel vestito di Zara e la ragazza fa causa all’azienda


Cailey Fiesel, ventiquattrenne di Manhattan, aveva acquistato il vestito in saldo un paio di settimane prima di indossarlo per andare a lavoro. Una volta arrivata in ufficio, la ragazza racconta di aver sentito un odore pungente e nauseante: «Ho visto la zampetta uscir fuori dalla cucitura della scollatura. È stato davvero terrificante» racconta la Fiesel. «Mi sono bloccata, ero completamente paralizzata dalla paura» ha spiegato al New York Post in presenza dei suoi legali.

zara-rodent-619-386

Dopo un paio d’ore alla scrivania l’attività lavorativa della ragazza è interrotta da un pesantissimo ed indecifrabile fetore la cui fonte rimane per diversi minuti ignota. La donna alza in piedi, si guarda attorno, ma nulla. Finché non inclina il capo verso il basso e si accorge che sull’orlo del vestito su una gamba c’è come un filo tirato. La mano della fanciulla fa per tirarlo quando si accorge che tra le dita ha la zampetta di un topino.

Ha iniziato a tastare l’abito e ha sentito qualcosa di morbido che sporgeva: era il corpo del topo morto inserito tra la fodera e il vestito stesso“, ha continuato l’avvocato di Cailey Fiesel. La denuncia è stata depositata presso la Corte Suprema di Manhattan.