#mondayfunday: una playlist per celebrare Sun Ra


Ci piace celebrare i nostri eroi, e senz’altro non c’è eroe più grande di Sun Ra.
Un centinaio di anni fa, un uomo di nome Herman Poole Blount è nato a Birmingham, Alabama. Non solo ha dichiarato di essere un alieno arrivato sulla Terra nei suoi viaggi intergalattici, ma ha anche rinunciato quello che lui chiamava il suo ‘nome da schiavo’ a favore di Sun Ra. “Ho molti nomi”, ha annunciato una volta. “Alcuni mi chiamano Mr Ra, gli altri mi chiamano Mr Re. Puoi chiamarmi Signor Mistero “.

E’ scomparso, tornato a Saturno o no, proprio il 30 maggio del 1993.Ma ciò che non è in discussione è che durante il suo tempo sulla Terra, Sun Ra ha creato musica che era veramente fuori del pianeta. Con la sua Arkestra – l’ensemble di musicisti, artisti, e anche mangiatori di fuoco da lui diretto – Sun Ra ha creato jazz selvatici che hanno ispirato innumerevoli esploratori musicali da allora.

Caribou, Madlib, Mo Kolours, Unno, ma molti altri ancora. Solo un piccolo assaggio della sua eredità.

Tracklist

1. Sun Ra – Plutonian Nights
2. Ras G – Juju
3. Unno – Walls
4. Flying Lotus – Do The Astral Plane
5. Sly and The Family Stone- If you want me to stay
6. Madlib – Slim’s Return
7. Don Cherry, Latif Kahn – Air Mail
8. Mo Kolours – How I
9. Caribou – Sun
10. Mike Huckaby – The Jazz Republic
11. All Nations Quartet – He Spoke
12. Sun Ra and his Arkestra – Love in outer space
13. Lonnie Liston Smith – Floating Through Space
14. Sun Ra – Door Of The Cosmos