Ticketmaster e Live Nation pensano di sostituire i biglietti cartacei col riconoscimento facciale


Ticketmaster e Live Nation, due aziende statunitensi che su occupano di vendita di biglietti di eventi e concerti, hanno stretto un’importante partnership con Blink Identity, una società specializzata in tecnologie di riconoscimento facciale.

LiveNation ha investito sulla società con l’obiettivo di usare la tecnologia di riconoscimento facciale ai concerti, come possibile sostituzione dei biglietti cartacei.

Si passerebbero i controlli, dunque, semplicemente facendosi riconoscere tramite il proprio volto.

Blink sostiene che la propria tecnologia “può riconoscere un’immagine del tuo viso non appena passi davanti a un sensore”, e sia in grado di confrontarla con un database di immagini in un attimo: gli spettatori potranno entrare nella zona del concerto “a passo normale senza rallentare o dover fissare alcuna telecamera”.

“Continueremo a investire in nuove tecnologie per differenziare Ticketmaster dagli altri nel mercato della bigliettazione. Oggi annunciamo anche una partnership, e un investimento, con Blink Identity che ha sviluppato un avanguardistica tecnologia di riconoscimento facciale, che ci consente di associare il biglietto digitale con la propria immagine. E poi, semplicemente, entrare allo show senza mostrare nient’altro”, ha fatto sapere l’azienda in una nota.

Una nuova forma di biglietto digitale che LiveNation starebbe già testando, e che ha presentato ai propri investitori negli scorsi giorni.

La tecnologia ha controindicazioni, ovviamente: la prima è la questione privacy, ovvero la cessione di dati sensibili ad un’azienda per poter usufruire del suo servizio.