Ritrovati 80 metri del muro di Berlino ancora intatti


A Berlino, nel sobborgo di Schönholz, sono stati ritrovati 80 metri del muro, scoperti e riconosciuti nel 1999 da uno storico, passati inosservati fino ad ora, quando la scoperta è stata resa pubblica. Questa parte, infatti, non è stata abbattuta nel 1989 e, col passare del tempo, è finita per passare come un muro qualsiasi. Ma quei mattoni appartengono proprio al muro di Berlino. L’unico ad esserne certo è appunto lo storico che vent’anni fa lo ha identificato, Christian Bormann, e che ora ha deciso di rendere pubblica la scoperta per tutelarla dalle dal vandalismo e dalle intemperie.

Su questa porzione di muro si possono osservare ancora intatti anche i paletti che dal 1961 al 1989 hanno sostenuto le masse di filo spinato, in cima alla costruzione. È molto strano il fatto che una porzione del muro di queste dimensioni sia praticamente passata inosservata per tutti questi anni. La cosa è imputabile al fatto che la zona sia periferica, e che il muro sia nascosto tra gli alberi, incuneato tra un cimitero e la ferrovia.

Christian Bormann non aveva inizialmente alcuna intenzione di rivelare la sua scoperta, ma si è visto “costretto” dalla necessità di un intervento per tutelare il reperto storico: “A mio parere questa è una struttura di eccezionale importanza culturale e quindi di particolare valore storico. Spero ora che le autorità condividano il mio entusiasmo e agiscano prontamente.” L’Amministrazione statale dei Beni Culturali e Archeologia tedesca si è fatta subito avanti, dicendo che costruirà una protezione provvisoria, e che procederà ad una valorizzazione completa dell’area.