Point Nemo, il posto più remoto del nostro pianeta


Il punto del nostro pianeta più lontano dalle terre emerse si trova nell’Oceanico Pacifico del sud ed è stato battezzato Point Nemo. Tecnicamente, questo luogo non esisteva fino al 1992. O almeno, non sapevamo dove fosse. Un ingegnere croato-canadese, Hrvoje Lukatela, ha utilizzato il programma informatico geo-spaziale Ipparco per scoprirlo. Lukatela lo ha chiamato Point Nemo in onore del celebre capitano del sottomarino Nautilus nel romanzo di Jules Verne “Ventimila leghe sotto i mari”.

La traduzione latina di “Nemo” significa “nessuno”; un nome adatto per un posto così solitario. Con la barca più veloce sono serviti 15 giorni, 10 ore e 37 minuti per arrivarci. Quando le barche passano da Point Nemo, sono più vicine agli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale rispetto a tutti gli altri esseri umani sul pianeta. La Stazione Spaziale Internazionale orbita a circa 400 chilometri dalla superficie terrestre, quindi meno dei più di duemila chilometri tra Point Nemo e le coste.

Il punto terrestre più vicino a Point Nemo si trova a 2.688 chilometri di distanza, in tre distinte direzioni: l’isolotto roccioso e disabitato di Ducie (nelle Isole Pitcairn, vicino alla Nuova Zelanda), l’isola di Moto Nui (a sud dell’Isola di Pasqua, in Cile) e Maher Island in Antartide.

Point Nemo è così remoto, che forse ancora nessun uomo gli è transitato sopra fisicamente, in modo consapevole. Da queste parti comunque transita la Volvo Ocean Race, la competizione con barche di 21 metri che attraversano gli oceani sfidando condizioni impossibili.

Segui DARLIN per rendere il tuo Facebook + POP e creativo!