Perché le sbornie sono sempre peggiori con l’invecchiamento


Il giorno dopo una festa, era molto meglio prima. In risposta alle domande di un lettore di 42 anni che si preoccupa di non recuperare così bene come a 20 anni i giorni di sbornia, un articolo del New York Times, svela una lista di motivi per i quali la sbornia è sempre più difficile da reggere rispetto a prima.

Prima di tutto si tratta di abitudine, spiega Lara Ray, specialista in psicologia alla clinica dell’università della California. I giovani fanno eccessi in maniera più regolare, e quindi non è mito quando dicevate di essere allenati, lo eravate veramente. Quando usciamo e beviamo alcol ogni sabato sera, il corpo prende cattive abitudini e diventa meno sensibile all’eccesso. Non vuol dire però che quando vi ammazzate di alcol non rovina il vostro corpo.

Lara Ray completa questa risposta con un argomento fisiologico: invecchiando, abbiamo più grassi e meno muscoli. Un corpo con più grassi sarà più facilmente intossicato dalla dose di alcol. La professionista della salute aggiunge anche che questo fattore aggravante tocca più facilmente i sessantenni rispetto ai quarantenni. Consiglia comunque di non bere troppo rapidamente ed alternare bevande non alcolizzate per limitare gli effetti dell’alcol ingerito.

Gli scienziati comunque non sono ancora d’accordo sugli origini della sbornia, così diventa più difficile da eliminare. Lo spiega Marc Schuckit, professore di psichiatria all’università dei San Diego. Se una parte di specialisti afferma che corrisponde ad una lenta fase di astinenza, gli altri parlano piuttosto di una conseguenza della disidratazione o dello squilibrio in sodio, magnesio e potassio. La conclusione è evidente: l’unico modo per evitare la sbornia e uscire dal letto la domenica, è di bere con moderazione. Non certo una conclusione soddisfacente per tutti quelli a cui piace andare avanti fino alla chiusura del bar.