È morta Simone Veil, icona della lotta per i diritti delle donne


E’ morta, Simone Veil, prima presidente del Parlamento europeo e storica ministra francese. Aveva 89 anni. Era nata a Nizza il 13 luglio 1927, di religione ebraica e durante l’Occupazione nazista subì dure persecuzioni e nel marzo 1944 fu deportata insieme alla famiglia nel Campo di concentramento di Auschwitz.

Nel 1974 da ministro della Sanità del governo di Jacques Chirac, sotto la presidenza di Valery Giscard d’Estaing, fu una delle promotrici della legge sull’aborto. Simone Veil diventa così una delle prime donne ministro. In quel periodo riesce a ottenere l’approvazione della legge sull’aborto, sia pure subendo attacchi da parte dei deputati più oltranzisti.

Dopo il matrimonio nel 1946 con Antoine Veil, aveva intrapreso la carriera di avvocato per poi entrare al ministero della Giustizia e al Consiglio superiore della magistratura. Negli anni Settanta la scelta di dedicarsi alla politica, nata dal suo impegno in difesa dei diritti delle donne.

Segui DARLIN per rendere il tuo Facebook + POP e creativo!