L’arte racconta lo scioglimento dei ghiacciai alla Triennale di Milano


Black light, white light, la mostra con cui Michel Comte racconta lo scioglimento dei ghiacciai in corso da anni, è arrivata il 28 novembre alla Triennale di Milano, dove sarà possibile visitarla fino al primo gennaio 2018. Dopo l’apertura di Light al MAXXI di Roma lo scorso 14 novembre, inaugura anche a Milano il progetto di Comte in cui, attraverso video, installazioni su grande scala, proiezioni e sculture, l’artista indaga l’impatto umano sui ghiacciai di tutto il mondo, l’innalzamento dei livelli degli oceani e il cambiamento del clima.

“Per decenni Michel Comte ha registrato i ghiacciai di tutto il mondo. Questa seconda mostra esplora l’impatto del declino ambientale sui paesaggi glaciali. Con il suo studio dei paesaggi naturali attraverso sculture su larga scala, fotografie, video installazioni e proiezioni, l’artista mette in evidenza il rapido processo di cambiamento del clima, l’innalzamento dei livelli degli oceani e la progressiva riduzione delle superfici dei ghiacciai, essenziali per la nostra sopravvivenza,” si legge sul sito della mostra. Anche WWF Italia ha sostenuto questo progetto, accompagnandolo con una campagna, “Planet is Calling”, e con una serie di attività per sensibilizzare il pubblico sulla tematica del cambiamento climatico.