Ecco la prima modella conosciuta, poi finita in un manicomio fino alla sua morte


Nel 1915 il regista George Foster Platt provocò il moralismo del pubblico americano presentando “Inspiration”, la storia di un’ingenua ragazza di campagna che si innamora dello scultore per il quale posa come modella. La causa di tanta indignazione fu la protagonista del film: Audrey Munson, una giovane creatura di rara bellezza che per prima si mostrò senza veli al pubblico del cinematografo.

Alcuni dicono che tutto è cominciato con una passeggiata lungo Broadway. Mentre lei era a passeggio con in un giorno normale del 1906. Munson, che aveva 15 anni al momento, è stata fermata da un fotografo.

Altri conti sostengono che è stata colpita da una macchina e resa famosa dal fotografo seduto all’interno. In ogni caso, Munson è salita alla gloria in tenera età. Dopo essere stata introdotta dall’artista Isidore Konti, la giovane donna ha trovato un immenso successo come modella.

Ma tutto è cambiato quando Audrey Munson è stata inserita nella rete di un criminale noto. Il Dr. Walter Keene, che una volta era il rappresentate della modello, ha ucciso sua moglie. La gente ha cominciato a speculare che l’ha uccisa perché voleva sposare Munson. Il suo stato mentale è rapidamente deteriorato, e ha tentato di uccidersi nel 1922 attraverso un’overdose di mercurio bicloruro. Il tentato suicidio della donna non andò a buon fine e l’8 giugno del 1931, giorno del suo 40° compleanno, Audrey fu ricoverata al St. Lawrence State Hospital, struttura per malati di mente, dove le venne diagnosticata la schizofrenia. Lì rimase fino al 1996, quando morì alla veneranda età di 104 anni.

the-worlds-first-supermodel-was-an-antisemite-who-died-in-a-mental-asylum-1461186703