Gucci dice addio alle pellicce


Marco Bizzarri, Presidente e Ceo di Gucci, oggi a Londra ospite al Kering Talk 2017 , presso il London College of Fashion, ha fatto un annuncio molto importante. Le pellicce animali, dalla collezione primavera-estate 2018 non verranno più utilizzate. Questa decisione si inserisce nel piano di sostenibilità decennale del marchio “Culture of Purpose” e rappresenta una svolta “rivoluzionaria” per un brand del lusso internazionale come Gucci.

«Essere socialmente responsabili è uno dei valori fondamentali di Gucci e continueremo a cercare di fare di più per l’ambiente e gli animali – ha aggiunto Bizzarri in una nota diffusa dalle associazioni animaliste -. Con l’aiuto di HSUS e LAV, Gucci è entusiasta di compiere questo ulteriore passo e spera che possa contribuire a ispirare l’innovazione e diffondere consapevolezza, cambiando l’industria della moda del lusso in meglio».

Kitty Block, di Hsi, si è detta compiaciuta e certa che la decisione di Gucci sia destinato ad avere «un enorme effetto traino» nel mondo della moda. Attraverso questa nuova fur-free policy, Gucci si unisce a molti dei principali marchi mondiali di moda e rivenditori – tra cui Armani, Hugo Boss, Stella McCartney, Yoox Net-a-Porter ed altri, elencati sul portale www.furfreeretailer.com.