Gli indigeni delle zone remote della Siberia, ritratti con i loro abiti tradizionali


Il fotografo Alexander Khimushin ha viaggiato per mesi nella sterminata Siberia, per 25.000 chilometri, con lo scopo di ritrarre le affascinanti popolazioni indigene, le loro abitudini e i loro abiti tradizionali, in questa regione poco sconosciuta. Le bellissime fotografie che potete vedere di seguito fanno parte di un progetto più grande, ‘The World In Faces’, in cui Khimushin si propone di raccontare per immagini i volti e le trazioni delle culture meno conosciute.

Il fotografo si è spostato dal lago Baikal alle coste del mar del Giappone, fino alla Yakutia, il luogo più freddo del mondo, e alle steppe della Mongolia. La densità di popolazione, in Siberia, è parecchio bassa, ma la regione ospita comunque una grande varietà di tribù indigene, molte delle quali rischiano di scomparire.