Gli alveari più segreti e strani di New York


Da Bryant Park ai giardini di una delle più grandi cattedrali di Manhattan, i villaggi delle piccole api delle metropoli americane non sono sempre dove ti aspetteresti. Se guardi con occhio attento potrai individuarli tra i grattacieli enormi della città. Eccone alcuni:

A pochi passi dalle follia della Borsa, c’è il villaggio di api nel Battery Park, il cui stile architettonico è un adorabile cenno ai Paesi Bassi e alle radici olandesi della zona. Le case sono dipinte di un adorabile giallo crema, e avrebbero una magnifica vista sulla Statua della Libertà se non fosse per le loro proporzioni in miniatura.

Processed with VSCO with n2 preset

Nettare degno di Gesù stesso – o almeno è quello che dicono i newyorkesi. Le api della chiesa sono arrivate nel 2012 come ultimi abitanti del vero e proprio Giardino dell’Eden di San Giovanni, che vanta alberi di ciliegio, una fontana e una varietà di pavoni. Nel caso ve lo stiate chiedendo, le stesse api – tutti i 15.000 della varietà Apis mellifera – sono state benedette dal reverendo Mark Sisk. Sono “una specie gentile e mite“, dice il rappresentante, e gli alveari sono stati soprannominati “BeeVillage: The Divine”.

Il Green-Wood Cemetery ha chiamato il miele che producono le loro api “The Sweet Hearafter”:i vasi del loro oro liquido vengono prodotti solo in partite molto piccole. Ebbene si il cimitero di Manhattan ha un piccolo villaggio di api al suo interno.