Il Fabric sta parlando con il consiglio comunale e la polizia per la riapertura


Fabric sta lavorando con il consiglio di Islington e la polizia di Londra per una possibile riapertura del mitico club. Il locale doveva fare appello alla corte di Highbury il 28 novembre, ma potrebbe saltare se le tre parti fossero in grado di trovare un accordo consensuale.

Il proprietario del Fabric Cameron Leslie ha rivelato l’esistenza di un “non-disclosure agreement” aggiungendo: “Non posso parlare del nostro accordo, se sta andando bene o meno“.

savefabric-1116-616x440

Dopo oltre sette ore di udienza, era giunta la notizia che gli appassionati di musica e vita notturna temevano da qualche settimana: il Fabric, uno dei locali più noti di Londra, aveva chiuso definitivamente. Prima il ritiro temporaneo della licenza, a seguito di due casi di morte per sospetta overdose, entrambi riferiti a due ragazzi diciottenni, nel giro di una manciata di settimane.

Anche il Sindaco di Londra, Sadiq Khan, si era speso a protezione di realtà come il Fabric, dicendosi “determinato” a fare di più per proteggere “i club iconici” di Londra, ma le competenze in materia di licenze non rientrano tra quelle delegate al sindaco.

Più di 150.000 persone hanno firmato una petizione dopo la chiusura del Fabric e i sostenitori hanno raccolto 300.000£ per assistere i legali del club.