Stiamo iniziando a capire perchè l’Lsd renda significative le cose normali


Il sopravvissuto all’Olocausto e psichiatra Viktor Frankl sostenevano che gli umani hanno una “volontà di significato”. Questa spinta interiore verso lo scopo può essere un istinto biologico. “Tutti gli esseri umani bramano il significato”, dice Thomas Metzinger, professore di neuroetica e neurofilosofia all’Università Johannes Gutenberg.

Lo cerchiamo nel mondo esterno – nell’arte, nelle relazioni, nella religione – ma il significato è effettivamente fatto all’interno del nostro cervello. L’anno scorso, il professore in visita a Yale, Katrin Preller e i suoi collaboratori, hanno pubblicato il primo studio fMRI su come il nostro cervello crea significato. Hanno trovato, in breve, che il significato può essere prodotto: dare LSD ai partecipanti li ha indotti a trovare un significato in canzoni un tempo banali. Il gruppo di controllo non ha sperimentato il significato di queste canzoni e le differenze registrate nelle attività cerebrali dei partecipanti.

Il Preller usava l’LSD perché imita alcuni neurochimici del cervello, come la serotonina. Quando il suo studio ha mostrato come l’LSD producesse esperienze significative nel cervello, in effetti ha confermato che il nostro cervello fa la stessa cosa, solo con prodotti chimici “fatti in casa”.

A volte, le facoltà che costruiscono il significato della nostra mente svaniscono. Nei primi secondi di un attacco, alcune persone sentono che tutto ciò che li circonda ha un significato sacro, che persino i mobili di una stanza sono disposti divinamente. E a volte questa percezione vacilla, il che aiuta a spiegare perché le persone con depressione clinica o grave malattia di Parkinson – un disturbo degenerativo del sistema nervoso – non riescono a meravigliarsi di un bambino appena nato o di un tramonto penetrante. Significativo, come tutto ciò che è biologico, è fallibile. È anche volubile. Un giorno siamo pieni di significato; un altro giorno, nella stessa vita, nella stessa fase, non riusciamo a trovarlo: odiamo il nostro lavoro, sentiamo di aver scelto il partner sbagliato, non capiamo i nostri figli, non capiamo quale sia il punto . “A volte siamo bravi a creare significato – siamo motivati, felici e raggianti – ea volte non ci gestiamo”, dice Metzinger.

]

La ricerca di Preller potrebbe alla fine dare alle persone un maggiore controllo sui loro sentimenti. Dice che le implicazioni più immediate del suo studio di Yale sono farmacologiche. I ricercatori possono usare la loro conoscenza della composizione chimica di farmaci come l’LSD per capire come i propri neurochimici del cervello creano gli stessi effetti e come replicarli. Un giorno la gente non avrà bisogno di inciampare sull’LSD per provare artificialmente il significato.

In altre parole, è possibile abusare della crescente conoscenza di come e perché il nostro cervello crea significato. L’aspetto sovversivo dello studio di Preller, dice Metzinger, è che le droghe “potrebbero dare ad alcune persone una profonda esperienza di significato dove non ce n’è”. Una definizione di significato è “piena di significato”. Sentire che qualcosa è significativo quando non è importante è , letteralmente, sbagliato.