Carpisa perde tutta la dignità col concorso: “Compra una borsa e vinci uno stage con noi”


Ieri il web si è giustamente accanito su Carpisa, che ha pubblicato un assurdo bando di un concorso, per il quale c’era in palio uno stage della “bellezza” di un mese presso il loro ufficio di marketing a Napoli.

Gli step del “concorso” erano: comprare una borsa da donna della collezione autunno-inverno 2017/18, elaborare un piano di comunicazione da inviare insieme alla candidatura, e sperare di vincere lo stage da 500€. Internet aveva attaccato questo bando ridicolo, e in breve, su Twitter, l’hashtag #Carpisa è andato in tendenza.

“Perché iscrivermi all’Università quando potevo comprare una borsa?” hanno scritto.

La campagna, indirizzata agli under 29, è stata definita “svilente e irrispettosa”. È assurdo che ci sia qualcuno che abbia pensato davvero di far comprare una borsa, per poi elaborare una strategia di comunicazione, mettendo in palio uno stage di un mese, senza far parola riguardo ad un ipotetico prolungamento del periodo in azienda, o ad una successiva assunzione.

Dopo la valanga di insulti che Carpisa si è presa, e meritata, l’azienda si è scusata, dicendo che vanta percentuale di collaboratori con meno di 29 anni superiore al 40 per cento del totale, ma di certo non si farà perdonare tanto facilmente.

Non per dire, ma qualcuno aveva già capito la verità riguardo a Carpisa:

mi dispiace ma e'il male!!!

A post shared by Elenoire Ferruzzi (@elenoireferruzzi) on