In Australia, il mare restituisce il più antico messaggio in bottiglia mai rinvenuto


Una famiglia ha ritrovato, in Australia, il più antico messaggio in bottiglia mai restituito dal mare: ha 132 anni e fu buttato nelle acque da una nave tedesca nel 1886, come parte di un esperimento sulle rotte oceaniche dell’Osservatorio Navale Tedesco.

Il ritrovamento della bottiglia da parte della famiglia Illman è avvenuto a Perth, durante una passeggiata su una remota spiaggia dell’Australia Occidentale. Dentro la bottiglia c’era una foglio bagnato, così la famiglia lo ha messo ad asciugare nel forno per cinque minuti per poi stendere il foglio per leggere il messaggio.

C’era la data del 12 giugno 1886, il nome di una nave, la Paula, e una richiesta: chiunque avesse ritrovato il messaggio doveva contattare il Consolato tedesco. Così hanno fatto.

“Incredibilmente una ricerca d’archivio in Germania ha trovato il giornale di bordo originale della nave Paula. Su quel giornale c’è una nota proprio del 12 giugno 1886 scritta dal capitano che registra il fatto che una bottiglia era stata gettata in mare, alla deriva. Data e coordinate corrispondono esattamente a quelle del messaggio in bottiglia,” ha commentato Ross Anderson del Western Australian Museum.

Le ricerche hanno confermato che il messaggio in bottiglia di 132 anni (finora il “record” di anni di un messaggio in mare era di 108) faceva parte di un esperimento sulle rotte oceaniche e marittime dell’Osservatorio Navale Tedesco. La famiglia Illman ha ceduto il messaggio al Western Australian Museum, dove resterà esposto al pubblico per i prossimi due anni insieme alla bottiglia.