Il vero volto di Napoli: le fotografie di Sam Gregg


“Vedi Napoli e muori”, scriveva Johann Wolfgang Von Goethe nel suo libro Viaggio in Italia nel 1786. Lasciando alle spalle la sua fama claustrofobica, i suoi doveri di consigliere privato nel ducato di Weimar e un flirt a lungo termine, Goethe, come molti uomini ricchi del suo tempo, viaggiò a Napoli come parte di un Grand Tour e trovò la città così bella, così opulenta, che sapeva che sarebbe morto senza rimpianti dopo aver visitato le sue coste. Oggi la frase è diventata un riferimento ironico alla violenza delle bande in città. Napoli, ad esempio, ha superato i rating dell’indice europeo del crimine nel 2017. Ma, sostiene il fotografo Sam Gregg, che i media e gli spettacoli televisivi come il dramma di massa Gomorra hanno contribuito a un ritratto poco lusinghiero di una città dalle varie sfumature, che spesso non riesce a vedere gli umani dietro il statistiche sulla criminalità.

Sono lontano dal discreditare questo problema perché è una questione reale e urgente, sto semplicemente mettendo in evidenza attraverso la mia fotografia che le persone colpite sono esseri umani tangibili prima che siano unità politiche“, spiega Sam. “Le mie fotografie sono una documentazione di lo spirito e la vivacità delle persone che vivono in queste aree, anche di fronte alle avversità: sono fieramente orgogliosi della loro eredità ed emblema di cosa significhi essere un vero napoletano.”