Passeggiando al mercato delle pulci di Parigi nel 1941


Nel 1941, Parigi era sotto l’esercito di Hitler durante l’occupazione della seconda guerra mondiale. Il fotografo dietro l’obiettivo è André Zucca, un fotoreporter e collaboratore nazista francese. Era l’anno in cui era stato contattato dai tedeschi per lavorare come corrispondente per Signal, una rivista di propaganda della Wehrmacht tedesca. Il suo incarico: sostenere un’immagine positiva, apparentemente spensierata della vita nella Francia occupata.

Questa è la cosa del mercato delle pulci di Parigi. È un posto diverso da qualsiasi altro, congelato nel tempo. È lo stesso curioso bric-à-brac steso sui ciottoli e le stesse facce che vendono oggetti logori. Anche le strade e l’infrastruttura di avviamento del mercato appaiono invariate.

Zucca in tempo di guerra ha iniziato la sua carriera come fotografo dopo essere stato ferito durante la prima guerra mondiale durante il suo servizio nell’esercito francese, per il quale ha ricevuto l’onore della Croix de Guerre. È discutibile se il lavoro di Zucca durante la seconda guerra mondiale per i tedeschi avesse qualcosa a che fare con lui in realtà simpatizzante con gli ideali del nazismo – o se stesse solo scommettendo su quello che pensava fosse il lato vincente.