Le Pussy Riot lanciano una linea di abbigliamento attivista


L’abbigliamento è stato a lungo una forma di protesta, dallo slogan di Katharine Hamnett che affronta la Thatcher fino al rovescio del triangolo rosa fatto nella lotta contro lo stigma dell’Aids. Il movimento politico punk russo Pussy Riot e la sua media company indipendente Mediazona hanno lanciato una nuova gamma di abbigliamento ispirata all’attivismo e alla resistenza. In un primo look esclusivo con Dazed, la linea di abbigliamento presenta t-shirt, distintivi, calze e passamontagna con il marchio del gruppo in una gamma di colori.

“Nel 2017, abbiamo assistito a una serie di proteste per le strade della Russia che consistevano principalmente di giovani, tra cui bambini di 13, 14, 15 anni “, ha detto a Dazed Nadya Tolokonnikova, membro della Pussy Riot. “Le magliette e le maschere che abbiamo realizzato sono ispirate da quelle persone che alla fine e inevitabilmente faranno la loro rivoluzione in Russia. (Perché) Anche la Russia appartiene a loro, non a Putin in esclusiva. “

Tolokonnikova spiega che gestire una fonte di informazione indipendente in Russia è reso difficile dal governo, soprattutto perché non possono esistere in pubblicità o sovvenzioni. L’attivista e musicista fa riferimento anche alle manifestazioni anti-Putin e anti-corruzione unite da bande di manifestanti in tutta la Russia l’anno scorso. Nel marzo del 2017 migliaia di persone si sono radunate contro la corruzione al Cremlino dopo il documentario di He Is Not Dimon To You di Alexei Navalny che esponeva le imprese segrete gestite dal presidente e dal primo ministro. I raduni hanno avuto luogo anche quando Navalny è stata ferita e arrestata. Nel giugno 2017, centinaia di giovani sono stati arrestati durante le proteste.

Come asseriscono le Pussy Riot, non si può fare affidamento sui media approvati dallo stato, e così i giovani russi continuano a mobilitarsi. Mediazona è il loro sbocco mediatico indipendente, “privo di censura”, avviato nel 2014 da Pussy Riot e dai giornalisti russi per riferire sul vero movimento politico.

La linea di abbigliamento “It Gonna Get Worse” è iniziata a dicembre 2017 – una collaborazione con Kultrab e Krovostok, un gruppo hip-hop russo – con una serie di indumenti per sostenere finanziariamente Mediazona e il lavoro investigativo che fa per sfidare il sistema politico corrotto.