Il Gangsta Gardener di Los Angeles che combatte il razzismo con cibo sano


Le disuguaglianze nell’accesso a cibi sani e freschi a prezzi accessibili sono state la causa principale di molte malattie gravi, alti tassi di obesità, ipertensione e diabete nei quartieri a basso reddito di colore in tutto il paese.

I prodotti più frequentemente commercializzati per gli afro-americani sono cibi e bevande ad alto contenuto calorico, a bassa nutrizione.Cartelloni pubblicitari e altre forme di pubblicità esterna, che spesso promuovono alimenti a basso valore nutrizionale, sono 13 volte più densi in quartieri prevalentemente afro-americani rispetto ai quartieri bianchi.È evidente che in America esiste un sistema alimentare a due livelli che ha i poveri afroamericani che muoiono più giovani dalle malattie legate all’alimentazione rispetto ai bianchi benestanti. Ma il nativo di Los Angeles, Ron Finley, meglio conosciuto con il suo pseudonimo Gangsta Gardener, ne aveva abbastanza di guidare 45 minuti fuori dal suo quartiere per trovare frutta e verdura fresca.

L’ex stilista di moda, i cui abiti sono stati venduti a Saks e Neiman Marcus, si è assunto l’incarico di coltivare la propria verdura e frutta nel proprio cortile dopo aver frequentato un corso di giardinaggio nel 2010.“Ricordo che andai in un negozio a South Central L.A. e raccolsi alcuni pomodori, gli adesivi su di essi dicevano: Rivestito con gommalacca . Pensai tra me: Non è quella roba che usavamo per rivestire il legno nella mia bottega del liceo? Perché è su questi pomodori? ‘ Questo è quando mi ha colpito davvero. “

La disuguaglianza alimentare, anche se non menzionata abbastanza nella più ampia conversazione sul razzismo strutturale in questo paese, è altrettanto importante da combattere contro la brutalità della polizia. L’ingiustizia nera sulla salute e il cibo non può essere affrontata come una barra laterale della lotta contro il razzismo sistematico in questo paese. I due sono intrinsecamente collegati.Finley, che voleva opzioni alimentari salutari per i suoi vicini e la sua famiglia, piantò un giardino nello spazio di 150 piedi tra il marciapiede e il marciapiede di fronte a casa sua. Kale, melograni, girasoli e banani prosperarono nel suo giardino improvvisato.

Un beneficio ben accetto per piantare il proprio cibo è stato l’ecosistema che ha creato. Poco dopo, canticchiando uccelli e farfalle volavano per tutto il giardino. Finley aveva creato un modo relativamente facile ed economico per portare cibo sano nel suo quartiere, che descrive come una “prigione alimentare”, ma la città di Los Angeles non era d’accordo con le tattiche di guerrilla gardening di Finley. È stato multato per il giardinaggio senza un permesso.”Nessuno veniva citato per i vecchi bagni abbandonati, i divani e i preservativi usati per strada – ma ho ricevuto una citazione per portare la natura, la bellezza, l’orgoglio, l’arte e un senso di pace e tranquillità nel vicinato. senso. “Si è rifiutato di pagare la multa e un mandato è stato emesso per il suo arresto. Una petizione successiva, chiedendo che a Finley fosse concesso di coltivare cibo nel suo quartiere, ha messo in luce la causa di Finley e gli ha procurato sostenitori, compresi alcuni nel Consiglio comunale di L.A. La sfida di Finley è stata ripagata.

Nel 2013, il consiglio comunale ha votato per modificare la legge per consentire il giardinaggio a bordo strada in L.A grazie al lavoro di Finley che difende i giardinieri della guerriglia per nutrirsi da soli. La lotta del Gangsta Gardener per abbellire i suoi dintorni e migliorare l’offerta di cibo nel South Central ha attirato l’attenzione della conferenza TED. Finley ha tenuto un TED Talk nel 2013 dove ha rotto l’ingiustizia alimentare, l’importanza di un movimento di giardinaggio e gli strumenti per mangiare sano. È stato visto da oltre 3 milioni di persone.Ha anche condiviso il suo sogno di trasformare “deserti alimentari” in tutto il mondo in “foreste alimentari” sostenibili.