Frida Kahlo al Mudec: la mostra apre domani a Milano


È morto il re, viva la regina. Domenica 4 febbraio chiude la mostra di Caravaggio e intanto, giovedì 1, al Mudec aprirà la retrospettiva dedicata a Frida Kahlo. Da un’incoronazione di una star all’altra perché la pittrice che nel suo Paese d’origine, il Messico, è venerata quasi come una santa, anche in Europa gode di una popolarità che l’ha trasformata in leggenda.

Disegni, stampe, lettere, fotografie, libri, telegrammi, cartoline, bozzetti, tagli di giornale, vestiti, oggetti personali, medicine saranno presentati dopo essere stati chiusi in casse e bauli per oltre cinquant’anni all’interno di diversi spazi della sua casa, tra i quali la stanza da bagno personale di Frida.

Al Mudec arriveranno oltre 70 dipinti della pittrice messicana, più 40 disegni e ben 150 tra lettere, oggetti e fotografie scattate dalla stessa Frida Kahlo, più 2 inediti della sua pittura mai visti in Italia. Purtroppo non ci saranno i due dipinti di Frida di proprietà di Madonna sin dal 1990, dopo il successo di “Like a prayer”.