Sweeney Todd de Paris, l’originale barbiere infernale


Potrebbe essere che l’originale Sweeney Todd non fosse in realtà della Londra vittoriana, ma della Parigi medievale: la leggenda narra che la città delle luci e dell’amore avesse il suo barbiere demone proprio durante il 14 ° secolo. E infatti, Parigi era probabilmente la prima casa dei pasticci di carne umana, di una relazione assassina e di barbiere-macellaio.

Sulla Ile de la Cité della Senna, prima che l’ospedale dell’Hotel Dieu fosse trasferito sull’isola, la rue des Marmousets era rinomata per i suoi deliziosi paté e le sue torte di carne. La gente veniva da ogni parte per le succulenti prelibatezze francesi – specialmente per quelle fatte da un macellaio accanto a un barbiere all’angolo tra rue des Marmousets e rue des Deux-Hermites. Le torte e i paté venduti lì erano così gustosi, a causa di un certo je ne sais quoi, che persino il re Carlo VI era considerato un fan.

Dal 1384 al 1387, questo acclamato macellaio fu in combutta con il suo vicino barbiere, trasformando una bella monetina con i paté speciali. Cosa ha reso i suoi salati particolarmente buoni? La carne molle, deliziosa e giovane delle vittime del demone barbiere di Ile de la Cité, naturalmente. Il barbiere, la cui solita clientela di studenti stranieri – che avevano meno probabilità di essere notati dispersi – avrebbe offerto ai clienti una rasatura accurata e li avrebbe fatti scendere nello scantinato che divideva con il macellaio. Laggiù, il macellaio preparava la carne umana, macinandola per le sue famigerate paste spalmabili e per le carni. Questa sinistra partnership prosperò per tre anni e sarebbe continuata se non fosse stato per un povero cucciolo il cui proprietario non è mai tornato dal diabolico barbiere.

Abbandonato, il cane attese fuori dal negozio, piagnucolando e abbaiando per l’uomo che ora era diventato un delizioso e spalmabile concentrato di carne. Alla fine la moglie della vittima ha trovato l’animale domestico della famiglia, ma ha rifiutato di abbandonare la sua veglia al barbiere. Con il marito da nessuna parte e la nuova ossessione del suo cane con il barbiere locale, la donna sentì che qualcosa sembrava strano, e carnoso, così andò dalla polizia che conduceva una perlustrazione della zona. Per il disgusto di tutti, alla fine la polizia ha scoperto un mucchio di ossa e carne umane nel cortile condiviso dei due negozi.
Per i loro orribili delitti, il barbiere e il macellaio sono stati bruciati vivi, insieme ai loro negozi, in modo da esorcizzare l’area dalla loro aura malvagia. Sull’angolo fu eretta una statua di cane in bronzo per commemorare il cucciolo. Con la sua macabra storia, l’area rasa al suolo fu abbandonata per un secolo. Il cane di bronzo rimase in guardia fino alla metà del 19 ° secolo, quando quell’area dell’isola passò attraverso la sua grande trasformazione fino ai giorni nostri.