Smartphone vietati ai concerti, una nuova tendenza per il bene di tutti?


Recentemente Adele ha fermato un suo concerto per invitare una donna tra il pubblico a smettere di filmarla e a godersi lo spettacolo. Ma la cantautrice britannica non è l’unica artista ad essere infastidita dai fan che riprendono senza sosta gli show.

NEW YORK, NY - APRIL 21: (EDITORS NOTE: Image had been transformed to black-and-white. Color version is available) Alicia Keys performs at the 2016 Tribeca Film Festival at Highline Ballroom on April 21, 2016 in New York City. (Photo by Jamie McCarthy/Getty Images for Tribeca Film Festival)

Non sono passati molti anni da quando, guardando le folle di fan ai concerti, si vedeva un mare di accendini accesi, specialmente durante le canzoni più lente o romantiche, quelle più “emozionali” insomma. Adesso, quello che si vede puntando gli occhi sulle platee degli stessi concerti, sono le luci degli schermi degli smartphone accesi che tentano di registrare una parte se non addirittura l’intera performance.

Alicia Keys ha trovato però quella che potrebbe essere una buona soluzione a questa fastidiosa abitudine. E cioè una particolare custodia richiudibile, in cui il pubblico sarebbe invitato a mettere il proprio smartphone o eventuali altri devices, prima dell’inizio del concerto.

yondr-640x397

Le bustine rendono impossibile l’uso del telefono a meno che non vengano sbloccate da qualcuno dello staff del concerto stesso. Secondo Yondr, che fornirà le buste, “gli smartphone hanno una grande utilità, ma non con tutte le situazioni. Ci sono momenti in cui sono diventati una distrazione e isolano le persone da chiunque altro e da ciò che le circonda”.