Il pubblico di Cannes fugge dalla sala durante la proiezione di Lars Von Trier


Il regista danese Lars Von Trier ha scandalizzato il pubblico del Festival di Cannes 2018 con il suo nuovo film, “The house that Jack built“. Testimoni presenti in sala durante la proiezione dell’horror hanno riferito di aver sentito delle persone urlare, o di critici che hanno addirittura abbandonato la proiezione. Von Trier aveva ripetutamente avvertito in varie interviste e dichiarazioni che era il film più estremo che avesse mai fatto. Sul programma di Cannes era inoltre scritto a chiare lettere che conteneva “scene che avrebbero potuto dare fastidio alla sensibilità di alcuni spettatori”.

Alcuni dei commenti su Twitter dicono:

“Sono appena uscito prima da The House that Jack Built. Disgustoso. Pretenzioso. Vomitevole. Angoscioso. Patetico”.

“La gente esce prima dal nuovo film di Lars Von Trier. Come se non avessero saputo esattamente cosa li aspettava”.

“Sono uscito da Lars Von Trier. Spregevole. Non avrebbe dovuto essere fatto. Gli attori sono responsabili”.

“The house that Jack built” , con Uma Thurman e Matt Dillon, è ambientato in America negli anni Settanta. Jack, il protagonista, è un ingegnere psicopatico. Dopo aver ucciso una donna che aveva incontrato per strada, decide di diventare il serial killer perfetto: ogni suo omicidio deve essere curato nei minimi dettagli. Il film è diviso in cinque capitoli, ciascuno dei quali dedicato a un omicidio.

Per ora si conosce solo la data d’uscita in Danimarca, dove il film verrà distribuito il 29 novembre 2018.