L’ultima provocazione di Banksy: un hotel con vista sul muro di Betlemme


A due anni da Dismaland, il parco dei divertimenti al contrario costruito nella cittadina di Weston Super-Mare (poi trasferito a Calais dov’è diventato un rifugio per i migranti), Banksy svela un nuovo, grande progetto. Si chiama Walled Off Hotel ed è, secondo la presentazione fatta ieri alla stampa, “l’albergo con la vista peggiore del mondo”.

Q3ZUBQPI-kktB-U11001579350198CdF-1024x576@LaStampa.it

“Walled off”, che pronunciato in anglosassone stretto diventa un tutt’uno che somiglia non casualmente a “Waldorf” (Astoria) è sorto a Betlemme, (Cisgiordania, o West Bank), laddove gli israeliani hanno fatto erigere una barriera di separazione-protezione rispetto all’area palestinese e guarda proprio su quel muro della vergogna.

Banksy-Walled-Off-Hotel-2017-12

Il «clou», mostra con orgoglio il direttore Wissam Salsah mentre porta un gruppo di giornalisti in giro per l’hotel per questa «anteprima», è certamente rappresentato dalla stanza numero 3. Qui gli ospiti, dal prossimo 20 marzo quando aprirà i battenti ai primi clienti, dormiranno in un letto king-size sotto un murales che ritrae un palestinese con la kefiah e un agente della Border Police israeliana che si affrontano a colpi di cuscino in una nuvola di piume, nella classica visione dello street artist britannico capace di mescolare nelle sue opere poesia e realtà con una falsa ingenuità.

171502311-fd7c9e26-0b3e-41a6-9427-d5c018e6fc49

Nella hall, ad accogliere i visitatori, c’è un pianoforte che suona da solo. Lo strumento, controllato in remoto da un software, offrirà ogni sera un concerto originale, scritto e registrato in esclusiva per l’hotel. La programmazione include un greatest hit dei Massive Attack suonato con tre mani, e brani originali di Trent Reznor & Atticus Ross, Flea e Hans Zimmer.

144551504-4fbc7896-8ff8-4a1c-abd3-b6e7f74aa463

Vorremmo invitare tutti a venirci a trovare, soprattutto i civili isrealiani”, ha commentato il manager dell’albergo Wisam Salsaa, “vogliamo che imparino a conoscerci meglio, perché quando lo faranno capiranno che ci sono molti stereotipi da abbattere, e le cose potrebbero cambiare”.

L’hotel aprirà ufficialmente i battenti il prossimo 11 marzo. Le camere sono nove. Alcune danno direttamente sulla torretta di guardia che sovrasta il “muro. Saranno offerte a partire da 30 dollari a notte. Il progetto ha richiesto 14 mesi di lavoro, tutto tenuto in gran segreto, anche per tutelare l’anonimato di Banksy.

144550881-52b2173d-fa44-4a94-b7b3-a20b2a8580df

144551526-594ec228-49d1-4d43-9312-947788eeb376

173029799-6d4f833b-0593-405b-963c-f75219a3b879

Banksy-Walled-Off-Hotel-2017-7-1068x712