Lascia il suo lavoro per diventare cacciatore di Pokemon a tempo pieno


Pokémon GO-Mania, cronache della seconda settimana. Credevate che le follie, le assurdità, le curiosità provenienti dal mondo del gioco di Niantic fossero finite? Neanche per sogno: novità nel campo arrivano a ritmo continuo, ma negli ultimi giorni ce n’è una che si è meritata particolare attenzione: un ragazzo neozelandese ha lasciato il suo lavoro per diventare un cacciatore di Pokémon a tempo pieno.

fb_capture-doecran-2016-07-18-a-15-22-29

Tom Currie, un ragazzo di 25 anni originario della Nuova Zelanda ha deciso di fare una scelta: rinunciare al suo lavoro per dedicarsi 24 ore su 24 a giocare a Pokemon Go. Così Tom ha deciso di iniziare a viaggiare per completare la sua missione: catturare tutti i 151 Pokemon disponibili. Diciamo che è già a buon punto, avendone catturati circa 51. Secondo quanto si legge su Newshub, Tom Currie avrebbe lasciato il suo lavoro all’Hibiscus Coast, un bar di Auckland, per andare a cercare Pokemon in giro.

Un ottimo pretesto per scoprire luoghi dove non sei mai stato, secondo lui, ma se può farlo a tempo pieno è anche grazie all’aiuto dei genitori. Il loro supporto è stato fondamentale, soprattutto dal punto di vista economico. E il padre sembra averla presa bene, tutto sommato, visto che gli ha mandato un messaggio scherzoso, dicendo di avere sempre saputo che un giorno suo figlio sarebbe diventato famoso.