L’artista Masumi Ishikawa ha trasformato David Bowie in una mistica leggenda giapponese


Quando David Bowie è morto nel 2016, i tributi ai fan di tutte le forme e dimensioni hanno iniziato a comparire nelle città di tutto il mondo per celebrare la sua musica e la sua vita. Fiori posati, murales di strada e installazioni pubbliche sono sorti a Londra dove l’artista è cresciuto, così come a Berlino e New York, dove ha vissuto durante la sua carriera. Tuttavia, anche se è risaputo che Bowie avesse un legame con queste grandi capitali europee, alcuni potrebbero non sapere che aveva anche un’affinità con il Giappone. Il suo interesse per la cultura giapponese iniziò negli anni ’70 quando lavorò con lo stilista Kansai Yamamoto per creare ensemble per il suo alter ego colorato, Ziggy Stardust. Ha anche lavorato con l’attore Bandō Tamasaburō che ha insegnato a Bowie come applicare il tradizionale trucco kabuki, che ha portato all’iconico fulmine.

no degli ultimi omaggi di Bowie si presenta sotto forma di due stampe di xilografia contemporanee create da Masumi Ishikawa, uno degli artisti dietro al progetto Ukiyo-e. Il primo pezzo è ispirato all’iconica fotografia di Bowie di Brian Duffy con un fulmine rosso dipinto sul suo viso. L’immagine, originariamente usata per la copertina di Aladdin Sane (1973), è stata trasformata da Ishikawa per imitare lo stile xilografia del periodo Kamakura, in cui Bowie è immaginato come un leggendario stregone addomesticato di serpenti.

La seconda stampa è stata ispirata dalla foto di Diamond Dogs di Terry O’Neill del 1974 in cui Bowie posa tranquillamente accanto a un cane irato. La stampa vede “The Thin White Duke” reinventato come Takezawa Toji, un famoso mago del periodo Edo. Il cane è stilizzato in stile tradizionale, apparendo come una bestia mitica simile a un drago.