Gigi D’Alessio, 25 milioni di debiti: “Canterò per 15 anni per ripagarli”


Le difficoltà finanziarie del cantante napoletano tra cambiali e ville pignorate: «Canterò per quindici anni e onorerò tutti gli impegni Io sono la vittima, non il carnefice».

C_2_articolo_3028851_upiImagepp

Arriva oggi la notizia, non tutto ciò che luccica è oro. Affari sbagliati e sperperi hanno portato Gigi D’Alessio sul lastrico finanziario. Le sue società sono esposte per 25 milioni di debiti (contro i 20 milioni di dischi venduti). “Canterò e farò concerti per pagarmi i debiti per i prossimi 15 anni”, dice il cantante napoletano al Corriere della Sera, ma anche no dai per favore.

Ville in Sardegna, terreni, appartamenti e società sono stati tutti pignorati. Un decreto ingiuntivo è arrivato anche a Mondadori, Mediaset, Siae, Sony per il debito con la Marini. Mentre per il leasing con Unicredit, la banca ha pignorato tutte le somme Siae dovute al cantante, che probabilmente potrebbe decidere di affidare la gestione delle royalty alla start-up Soundreef, per aggirare il problema.