Rare foto di una bellissima Marilyn Monroe a 20 anni


Quando pensiamo a Marilyn Monroe, tutti l’abbiamo in mente come la diva di Hollywood per eccellenza, bellissima nel suo vestito bianco, labbra rosse e sorriso spensierato. Ma prima di Marilyn Monroe, c’era semplicemente Norma Jeane Dougherty, questo il vero nome dell’attrice, che nel 1946, a soli vent’anni, frequentava un fotografo di nome André de Dienes. I due andarono insieme alla spiaggia di Malibu e de Dienes catturò alcuni scatti della futura Marilyn.

young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-21-605x773 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-9-605x666 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-7-605x854 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-3-605x763 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-20-605x907 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-13-605x782 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-1-605x777 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-2-605x492 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-17-605x775 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-14-605x634 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-15-605x750 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-12-605x788 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-10-605x759 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-8-605x476 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-6-605x777 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-5-605x771 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-19-605x830 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-18-605x767 young-marilyn-monroe-norma-jeane-dougherty-andre-de-dienes-malibu-23-605x840

Aveva solo vent’anni, non aveva ancora conosciuto la tossicità della fama, ma c’era già un’ombra nel suo sorriso. Le chiesi di comportarsi normalmente, seguire l’istinto, senza pensare, e di reagire alle parole che le dicevo: felicità, sorpresa, riflessione, incertezza, pace spirituale, tristezza, tormento, morte. Alla parola ‘morte’ prese un drappo nero e si cinse la testa. Per lei la morte era nera, vuota. Cercai di farla reagire in modo diverso; la morte può essere vita anche come un inizio, una speranza di una vita migliore in una luce eterna. Ma lei scosse la testa, dicendo “la morte è così secondo me”, e voltandosi verso di me con il volto disperato, occhi vuoti e persino il suo volto sembrava aver perso colore. Per lei, la morte era la fine di tutto”.