Il dipinto del 1937 dove si vede un uomo che usa uno smartphone


Come potete vedere dall’immagine, sembra che in questo dipinto del 1937 ci sia un uomo che stia usando uno smartphone.

Mr. Pynchon and the Settling of Springfield

Il dipinto in questione è Mr. Pynchon and the Settling of Springfield datato per l’appunto 1937 e firmato da Umberto Romano. In questi giorni, il dipinto – un murales, per la precisione – ha cominciato a circolare sul web perché qualcuno ci ha visto di mezzo uno smartphone. Se guardate bene, l’omino in basso a destra sembra proprio che stia scrollando il feed di Instagram. Ma secondo i nostri attenti calcoli è impossibile. Il dipinto rappresenta infatti un incontro avvenuto nel 1630 tra i coloni inglesi in America, più precisamente, nella zona che sarebbe diventata il Massachusetts, e due tribù precolombiane, i Nipmuc e i Pocumtuc.

La questione sul cosa sia quella specie di smartphone che il personaggio di Mr. Pynchon and the Settling of Springfield tiene in mano è già sorta più volte. Ha provato a rispondere uno studioso, Daniel Crown, che ha ipotizzato potesse trattarsi di uno specchio. Gli specchi erano diventati di uso comune nel Diciassettesimo secolo, e potrebbero essere arrivati fino in America con i coloni inglesi.

“Potrebbe essere benissimo che l’uomo si stesse specchiando nell’oggetto che aveva in mano. Quando Romano ha dipinto il murale, l’America era ossessionata dalla nozione di ‘buon selvaggio” scrive lo storico, che poi parla anche di “un uomo appartenente a una comunità arretrata al mondo della modernità, rappresentata da oggetti lucenti”.