David di Donatello 2018: Ammore e Malavita vince il premio come miglior film!


L’accademia del cinema italiano ha assegnato a Roma i David di Donatello. A dominare le nomination sono stati Ammore e malavita e Napoli velata, con 15 e 11 candidature.

Ammore e malavita ha vinto il premio come miglior film , invece Il miglior regista dell’anno è stato invece Jonas Carpignano per A Ciambra.

A voi la lista dei vincitori:

Miglior Film
Ammore e malavita

Miglior Regia
Jonas Carpignano – A Ciambra

Miglior Attore Protagonista
Renato Carpentieri – La tenerezza

Miglior Attrice Protagonista
Fortunata – Jasmine Trinca

Migliore Attrice Non Protagonista
Claudia Gerini – Ammore e malavita

Migliore Scenografo
Deniz Göktürk e Ivana Gargiulo – Napoli velata

Migliore Attore Non Protagonista
Giuliano Montaldo – Tutto quello che vuoi

Migliore Costumista
Daniela Salernitano – Ammore e Malavita

Miglior Autore della Fotografia
Gian Filippo Corticelli – Napoli Velata

Miglior Regista Esordiente
Donato Carrisi – La ragazza nella nebbia

Migliore Musicista
Pivio e Aldo De Scalzi – Ammore e Malavita

Miglior sceneggiatura originale
Susanna Nicchiarelli – Nico, 1988

Miglior sceneggiatura non originale
Fabio Grassadonia e Antonio Piazza – Sicilian Ghost Story

Miglior Produttore
Luciano Stella, Maria Carolina Terzi per Mad Entertainment e Rai Cinema – Gatta Cenerentola

Miglior Canzone Originale
Bang Bang – Pivio e Aldo De Scalzi – Ammore e Malavita

Miglior Truccatore
Marco Altieri – Nico, 1988

Miglior Acconciatore
Daniela Altieri – Nico, 1988

Migliore Montatore
Alfonso Gonçalves – A Ciambra

Miglior Suono
Presa diretta: Adriano Di Lorenzo – Microfonista: Alberto Padoan – Montaggio: Marc Bastien – Creazione suoni: Eric Grattepain – Mix: Franco Piscopo – Nico, 1988

Migliori Effetti Digitali
Mad Entertainment – Gatta Cenerentola

Miglior Documentario
La lucida follia di Marco Ferreri

Miglior Film dell’Unione Europea
The Square

Miglior Film Straniero
Dunkirk

David Giovani
Francesco Bruni – Tutto quello che vuoi

Miglior Cortometraggio
Bismallah – Alessandro Grande