Un ponte tra la Tunisia e la Sicilia per aiutare i migranti a raggiungere l’Europa


Il governo austriaco ha immaginato un progetto colossale che potrebbe risolvere il problema delle traversate clandestine. Si tratta della costruzione del ponte Jean Monnet, che inizierebbe nel 2017 per vedere la luce nel 2030. Un progetto colossale per un costo di 230 miliardi di euro, spiegato dal padre fondatore dell’Europa in un video. Se non capite tedesco basta attivare i sottotitoli. I fautori dell’iniziativa non sono certo degli sconosciuti: si tratta del “Centro per la bellezza politica”, un’associazione che si preoccupa della sorte di migliaia di uomini e donne che muoiono durante la traversata del mediterraneo.

Il progetto del ponte sarebbe sostenuto anche da Christian Konrad, coordinatore austriaco per i rifugiati, e lo stesso governo austriaco. Militante in favore di un’Europa accessibile, Konrad dichiara: “Vorrei dimostrare che la nostra repubblica può proiettarsi al di là dei propri confini e rendere un servizio importante in nome di un’Europa aperta e generosa”.

Per il momento sembra più che altro un progetto fuori dagli schemi per sistemare un problema scottante, una campagna di crowdfunding è stata lanciata su Indiegogo, dove sono già stati raccolti oltre 8.000 €.

mexey1appbgdj5d1g1qc ryo10z7pxa4ia31ysg9t Capture d’écran 2015-09-29 à 15.58.31

I realizzatori del progetto hanno pensato di sottotitolare il video, ma non in italiano. Forse perché pensano che gli italiani non siano interessati? Probabile, visto che non siamo riusciti a costruire nemmeno il ponte sullo stretto… Come direbbe Matteo Renzi: “A-A-A A GENIUS”!

renzi

[via]

Segui DARLIN per rendere il tuo Facebook + POP e creativo!