Kenya: Internet rende omaggio agli studenti vittime del massacro di Garissa


In questi ultimi giorni abbiamo visto passare su Facebook numerosi messaggi che criticavano i media perché non parlano abbastanza della terribile strage avvenuta in Kenya: 147 studenti sono stati assassinati nella loro scuola.

Numerosi internauti hanno reagito paragonando questo dramma a quello di inizio gennaio in Francia, assicurando che nessuno ne ha parlato semplicemente perché questi studenti erano degli sconosciuti. Non è sbagliato, o quasi. Il papa ha comunque orientato il suo discorso di Pasqua attorno a questo dramma. Ma è anche vero che i media non hanno forse insistito abbastanza sul carattere religioso del drammatico accadimento.
jesuiskenya
Nel 2015, un compito delle persone è di essere loro stesse i media, senza aspettare che siano i giornalisti a pubblicare articoli per informare. Tutto viaggia molto velocemente con l’aiuto dei social networks, ed è molto facile per tutti noi rendere omaggio ed avere un pensiero per i bambini morti nella loro scuola. L’abbiamo visto a gennaio con lo slogan mondiale #JeSuisCharlie, che è esploso solo qualche minuto dopo l’attentato.

Dire che i media non hanno parlato abbastanza del Kenya è giusto. Paragonare gli eventi è un errore. Abbiamo quindi raccolto i migliori omaggi apparsi su Internet dalla gente che ha voglia di condividere la propria emozione in modo creativo. Tweet o disegni che a volte valgono più di un articolo pubblicato sulle prime pagine dei quotidiani di rilievo.

CB-eS3pW0AAO_82

CB-lWuRWIAAmdlz

CBvaNVHXIAAhhgG


XVM85d2cd00-dbb8-11e4-9cda-c05803d64af4

Segui DARLIN per rendere il tuo Facebook + POP e creativo!