In Giappone, un trentenne su 4 è ancora vergine


Se c‘è un paese che non avrà riso molto scoprendo il film di Judd Apatow “40 anni vergine“, questo dovrebbe essere il Giappone. Secondo l’Istituto Nazionale di Ricerca sulla popolazione, un trentenne giapponese su quattro è vergine. Un numero sorprendente visto l’aumento del 3% dal 1990. Se non esiste una statistica internazionale sull’età del primo rapporto sessuale, è evidente che i giapponesi sono sessualmente attivi molto dopo gli uomini che vivono nei paesi industrializzati: nel 2010, uno studio dimostrava che il 30% di loro aveva perso la verginità prima dei 20 anni.

40anni vergine

Il fenomeno può trovare una spiegazione ripercorrendo la storia del paese. Per tanto tempo, la società giapponese è stata basata su un sistema feudale. I matrimoni erano regolati da codici etici molto severi. “Oggi è compito di ognuno trovare un potenziale partner e negoziare una parte di sesso”, spiega M. Sakatsume, creatore di Virgin Academia, associazione volta ad aiutare i suoi concittadini a fare il primo passo. La situazione è paradossale in quanto il sesso in Giappone è presente ovunque, per strada, alla televisione, nei manga…

Alcuni esperti puntano il dito contro la situazione economica del paese come causa del fenomeno. Secondo Yoko Itamoto, specialista del mercato matrimoniale giapponese: “Molti uomini sembrano aver perso fiducia sessuale per colpa della crisi economica”.

Segui DARLIN per rendere il tuo Facebook + POP e creativo!