Un gruppo di Hipsters barbuti è stato scambiato per dei terroristi islamici dalla polizia


La sottile linea tra Hipsters e Isis non è mai stata così ambigua. Giusto qualche giorno fa è accaduto un fatto strano nel sud della Svezia per cui degli Hipsters svedesi muniti di barba e di una bandiera nera, simbolo della loro associazione, sono stati scambiati per dei militanti islamici mentre posavano per una foto.

bearded-villains-fb

Andreas Fransson era lì con i suoi amici quando è arrivata la polizia. “Ci hanno detto che un automobilista li ha chiamati pensando di aver visto dei terroristi dell’Isis che si stavano riunendo” . Effettivamente è difficile notare le differenze tra islamici e nordici. Non appena i poliziotti hanno capito la situazione si sono fatti una bella risata e se ne sono andati. A confondere, però, non sono state tanto le barbe, che comunque hanno fatto la loro parte, quanto la bandiera a sfondo nero con due sciabole incrociate.

bearded-villains3

Noi apparteniamo ad un’associazione nata negli Stati Uniti chiamata “the Bearded Villains” (i cattivi barbuti) che lotta contro ogni tipo di ingiustizia, l’omofobia, il razzismo e l’oppressione. La nostra bandiera è il nostro simbolo e stavamo facendo una foto per mostrare la nostra comunità. È umiliante essere ricollegati all’Isis visto ciò che facciamo”. Cambiare le sciabole e il nero no? Forse i nuovi Sandokan lo capiranno.

bearded-villains1

Questo fraintendimento, però, non è l’unico. Settimana scorsa una scuola di Ingegneria nel sud della Francia, che si chiama per l’appunto Isis, ha avuto problemi con dei clienti canadesi perché preoccupati che fossero degli jihadisti.