Siamo stati al Club2Club e anche stavolta non ci ha deluso


Si è appena conclusa la quindicesima edizione del Club2Club a Torino, e quest’anno è stato un evento imperdibile, soprattutto per l’attesissima presenza di Thom Yorke. Certo il suo live ci ha gasati come non mai, ma non c’è stato solo lui, molti altri artisti a noi sconosciuti ci hanno sorpresi in positivo, motivo per cui nel complesso il C2C è stato una bomba. Non si è trattato solo dell’intelligenza della line up, ma abbiamo vissuto grandi emozioni, e si è respirata quell’aria di festival che speravamo proprio di trovare, animata dallo spirito di un pubblico vario e appassionato, com’è giusto che sia ad un evento di tale portata.

c2c15-1

Anche quest’anno l’headquarter è stato a cura di ABSOLUT ed ha avuto luogo nella stessa location esclusiva dell’anno scorso: l’Hotel AC Torino. Per i cinque giorni di festival, grazie al format Absolut Symposium, tra l’altro super innovativo (e chi se l’è perso farà bene a venire l’anno prossimo visto il livello), l’hotel ha cambiato completamente faccia, ospitando conferenze, installazioni, dj set e live di artisti. Dal discorso di Jeff Mills per un pubblico limitato all’Absolut Electrik Cocktail Room dove si potevano gustare cocktail favolosi. Diciamo che non c’è stato un momento di noia.

jeff mills

Questa volta, però, la particolarità del festival è stata un’altra grande novità: l’indimenticabile #AbsolutSymposium Matinée durata fino alle prime luci del mattino. Dopo l’esibizione di due tra gli ospiti più attesi e acclamati del festival, Thom Yorke e Jamie xx, i sopravvissuti della serata di venerdì si sono ritrovati per un after innovativo, passando dal DJ set nella lobby, alla lezione di yoga che si teneva in un’altra sala; chi voleva, inoltre, poteva assistere a proiezioni di film, performances di danza contemporanea, per concludere la (ormai) mattinata con una ricca colazione continentale. Della serie: “cosa vuoi di più dalla vita?

c2c15

Merita una menzione speciale anche la sala gialla, dove si sono esibiti artisti che hanno letteralmente fatto impazzire il pubblico, come ad esempio Rabbit e gli eccellenti Powell e Not Waving, per non parlare di Nicolas Jaar che ci ha fatto assistere ad un set della madonna.

Ormai mancano solo 353 giorni alla prossima edizione, ma per quanto bella e stancante è stata questa, diciamo che è una più che giusta tregua al nostro fegato e al nostro fisico, ma nel frattempo vogliamo lasciarvi con l’intervista che abbiamo fatto agli organizzatori dell’evento.

c2c15-2

Segui DARLIN per rendere il tuo Facebook + POP e creativo!