Le prime foto a colori del 1913 rivelano delle tonalità di rosso vivido come non l’avete mai visto


Se pensiamo a degli scatti di inizio ‘900 li immaginiamo sicuramente in bianco e nero, ma il fotografo Mervyn O’Gorman scattava a colori già nel 1913 grazie a delle lastre di vetro rivestito in fecola. Il nome tecnico di questo processo è autocromia, e O’Gorman l’ha utilizzato per immortalare sua figlia Christina mentre indossa un costume rosso sulla spiaggia. Ma il fatto più curioso di queste foto è che sia la persona che le ha scattate, sia gli inventori del processo che vi sta dietro non fecero dei rispettivi progetti la loro occupazione principale.

L’autocromia è stata brevettata nel 1903 in Francia, dai fratelli Lumier più conosciuti per il loro lavoro nel cinema. Mervyn O’Gorman invece è conosciuto per essere stato un pioniere dell’automobilismo e uno dei più grandi ingegneri aeronautici britannici del suo tempo. O’Gorman è morto nel 1958 e non conosciamo dettagli della vita di sua figlia Christina, ma queste fotografie rimangono un bellissimo esempio di cosa può accadere per caso.

early-color-photography-1913-christina-red-marvyn-ogorman-1 early-color-photography-1913-christina-red-marvyn-ogorman-2 early-color-photography-1913-christina-red-marvyn-ogorman-3 early-color-photography-1913-christina-red-marvyn-ogorman-4 early-color-photography-1913-christina-red-marvyn-ogorman-5 early-color-photography-1913-christina-red-marvyn-ogorman-6 early-color-photography-1913-christina-red-marvyn-ogorman-7 early-color-photography-1913-christina-red-marvyn-ogorman-8

Segui DARLIN per rendere il tuo Facebook + POP e creativo!