Frankie Casillo e la sua banale eccentricità


È stato scritto che quelle di Frankie Casillo sono fotografie che potremmo fare tutti, solo che lui, invece di perdersi in chiacchiere, scatta davvero. In realtà, le cose non stanno proprio così: basta osservare con un po’ più di attenzione, ed ecco che dietro la freschezza e l’onestà si notano un certo gusto per l’eccentrico e un occhio allenato alle buone composizioni. A noi i lavori di questo cervello in fuga, nato a Foggia ma berlinese di adozione, sembrano divertenti, bizzarri o semplicemente bellissimi. Questa, invece, è la sua versione dei fatti.

91060005 copia_o

Ciao, Frankie. Quando ho visto per la prima volta le tue foto, non sapevo che fossi italiano. Come mai vivi a Berlino?

Nel 2008 sono venuto qui in città per un concerto‏. L’atmosfera berlinese mi ha colpito all’istante, così dopo pochi mesi ho pensato‏: perché non fare un tentativo‏, un’esperienza‏ senza troppi programmi o aspettative‏? Mi ero dato tre mesi‏. Il tempo è volato‏, e alla fine dei tre mesi‏ mi sono reso conto che avevo così tanto ancora da scoprire‏ e da godere‏ che ho deciso di posticipare tutto a un anno. E ora mi ritrovo qui, dopo quasi sette‏.

Berlino non è una città facile‏, ma la qualità della vita è altissima‏. Sei libero di fare e di essere quello che vuoi‏, senza i pregiudizi e le pressioni di una società bigotta‏. Sono fiero e felice di essere nato in Italia‏, nel sud‏, ma sono ancor più felice ora, con il mio background, di vivere in un paese come la Germania‏. Non per sempre, ma per il momento credo di aver trovato qui la mia dimensione‏.

In quale parte di Berlino vivi?

Vivo a Friedrichshain, Berlino‏ Est, con il mio fedele partner a 4 zampe‏, Dexter, un bull terrier miniature di due anni‏. Sto pensando di prendermi anche un english bull dog femmina‏, per completare il quadretto‏.

98170005 copia_o

Hai un “tuo” posto?

Un posto che amo particolarmente è Insel der Jugend‏, un’isola sul fiume‏ nel mezzo del parco‏ di Treptowerpark‏, dove ho passato molto tempo‏ con gli amici‏. E la foresta Grunewald, dove posso perdermi‏ nei pensieri‏ e godermi una passeggiata con Dexter‏.

Scatti molto all’aperto‏…

Molti mi definiscono uno street photographer, ma sinceramente a me non piacciono‏ gli appellativi‏ o i titoli‏. Ho altri progetti dove scatto‏ in situazioni‏ di intimità,‏ e altri ancora dove lavoro in studio‏. Ma indubbiamente‏ mi sto concentrando‏ più sul mio progetto personale, ora‏.

In particolare, ho notato le foto che hai scattato in metropolitana. Mi piace quando le persone non guardano in macchina‏…

Non c’è nessuna foto posata‏, perderei tutto il fascino‏ e il divertimento‏. Mi piace rubare momenti di vita‏ nudi e crudi‏. Come dire‏… il posato‏ is not my cup of tea. Non giudico altri stili‏ o artisti, io mi diverto nel scattare cosi‏. Per me non‏ è importante solo l’immagine finale‏, il piacere e divertimento stanno nel tempo che passa da prima dello scatto‏ alla foto in frame‏.

Io ho posato solo una volta, per un’amica che studia all’Accademia di Brera. Per tutto il tempo ho continuato a pensare che magari non ero capace e non lo stavo facendo bene‏. Quindi credo di capire cosa intendi‏.

Esattamente‏. Se sai‏ di essere fotografato, il tuo atteggiamento‏ cambia, la naturalezza si perde‏. Quindi cerco di arrivare allo scatto‏ senza che il soggetto mi noti‏, perché vengo affascinato dal momento esatto‏ e non da un sorriso in camera‏. Quando è un gesto spontaneo a colpirmi‏, spesso poi la persona si arrabbia‏ quando mi nota‏. Ma ormai è troppo‏ tardi e lo scatto è già impresso‏ sulla pellicola‏, quindi mi rimane solo che sorridere e continuare per la mia strada‏, sperando di essere perdonato‏.

89310026 copia_46_o

Allora non ti chiedo neanche se preferisci l’analogico o il digitale. E credo anche che tu abbia già spiegato il perché…

Sì, per il mio progetto personale scatto in analogico‏. Adoro il tutti i rituali‏, e l’analogico è lento‏, si evolve dal momento prima dello scatto‏ allo sviluppo, alla stampa‏, alla messa in frame‏. Non è così diretto e a volte freddo come il digitale‏. Ma capisco che in certi casi sia più consono e pratico‏ usare il digitale, a seconda del progetto a cui stai lavorando‏ e al tocco che vuoi dare‏. In definitiva, è il risultato che conta‏. Digitale o analogico‏ non  importa‏.

Com’è successo che da grande hai fatto il fotografo?‏

Ho risposto a questa domanda per un’altra intervista giorni fa‏, e non ci avevo mai pensato prima‏. Le mie scelte passate non andavano in questa direzione, anche se ho sempre amato la fotografia‏. Diciamo che ho fatto esperienze diverse, in ambienti diversi‏ e con persone diverse, e che ho cercato così di spingere e trovare il mio potenziale‏.

Ho sempre scattato, fin dalle prime vacanze con amici, poi ho focalizzato i miei interessi e mi sono dedicato alla fotografia professionalmente‏. Non sapendo disegnare, mi sono piazzato dietro una macchina fotografica‏ per dare la mia interpretazione della società in cui vivo‏. Sto semplicemente documentando il mio tempo‏, come spiega anche il nome che ho dato al mio sito e al mio progetto‏: life & stuff‏, con la libertà di poter spaziare senza restrizioni‏ su diversi campi‏, dalla musica alla fotografia‏.

11610021 copia_o

Life & stuff‏: il quotidiano, una leggera ironia e il dettaglio insolito, disturbante‏…

Mi piace, disturbante.‏ È quello che mi dicono anche i miei amici più stretti‏. Io lo faccio naturalmente‏, e dopo anni mi ritrovo con questo filo conduttore‏. Credo che rispecchi molto la mia persona. Cerco di far sposare più elementi in unico frame‏, che si legano l’uno all’altro‏ in sintonia o caos totale‏. Non esiste nessun buon soggetto‏ in un background che non lega.‏

Di chi era quel concerto, la tua prima volta a Berlino?

Dei Radiohead.

Silvia Cannas Simontacchi

12930023 copia_o 17030010 copia_o 21750031 copia_o 30360010 copia 60470011 copia_o 61270025 copia_o 84890026 copia_o 98180028 copia_o

Segui DARLIN per rendere il tuo Facebook + POP e creativo!